Ricette

Il mio nome è Mario… Mario Prioli con licenza alberghiera dal 1963….

Il mio lavoro in cucina si basa sul rispetto dei sapori dei singoli ingredienti che provengono dal mare di fronte a noi e dai campi e dagli orti, proprio alle nostre spalle, sulla qualità delle materie prime, lasciando libera la mia fantasia di “aggiornare” le vecchie ricette della tradizione.

È questo lo spirito dei miei piatti, quando seleziono gli ingredienti di prima qualità e di origine garantita, per poi abbinare pesci e verdure di stagione, con l’attenzione ad ottenere un’armonia di sapori che gratifichi il palato dell’Ospite!

Poiché credo, come disse Anthelme Brillat-Savarin, che “l’invenzione di un nuovo piatto è più importante per il benessere del genere umano che la scoperta di una nuova stella” vi illustro con piacere come eseguo alcuni dei miei piatti, con l’invito a provarli a casa vostra!

Off

Un’altra video ricetta a base di gamberi e rana pescatrice presentata dallo chef Mario dell’Hotel Marconi di Cattolica, in provincia di Rimini.

Off

Come tutte le migliori ricette, anche questa prevede 4 commensali amanti dei sapori esotici come l’avocado.
La preparazione è davvero semplice, cottura light e sapore unico ed inconfondibile.
Un piatto a base di salmone, ideale da presentare agli amici, fresco e sfizioso, grazie anche alla salsa d’accompagnamento a base di avocado, panna erba cipollina ed aceto balsamico.

Off

Ingredienti per 4 persone:
Kg. 0,500 tagliatelline all’uovo
Kg. 1 di vongole
2 o 3 zucchine
½ bicchiere di vino bianco secco

Procedimento:
Lavare accuratamente le vongole e lasciarle in acqua salata per 4-5 ore, per facilitare lo spurgo dei molluschi.
In una padella sul fuoco, con olio extra-vergine d’oliva, 1 spicchio d’aglio, un po’ di prezzemolo tritato, mettere 1 cucchiaino da tè di farina bianca ed 1 bustina di zafferano e stemperare; aggiungere le vongole ben sgocciolate, agitare ripetutamente la padella su fuoco alto e coprire. Appena le vongole cominciano ad aprirsi, sfumare con ½ bicchiere di vino bianco secco, lasciare evaporare, finchè tutte le vongole si sono aperte. Togliere i gusci a circa la metà delle vongole e lasciare i molluschi nella padella, al caldo.

In altra padella, sempre con olio extra-vergine d’oliva, mettere le zucchine tagliate a fettine a mezza luna, a fuoco vivace, salarle e cuocerle per pochi minuti, con coperchio.

In una pentola, portare ad ebollizione l’acqua per le tagliatelline, salare ed aggiungere il succo di ½ limone, per ottenere l’acqua acida, per la cottura; versare ora le tagliatelline nell’acqua; appena affiorano, scolarle e versarle nella padella con le vongole; aggiungere le zucchine; amalgamare il tutto sul fuoco, a piacere aggiungere prezzemolo tritato e servire.

Off

Ingredienti per 4 persone:

4 crespelle

1 litro di besciamella

Per il ripieno:

500 gr. di nasello

250 gr. di ricotta

1 uovo

3 cucchiai di parmigiano

100 gr. di salsa di pomodoro

Procedimento:
Dopo aver eviscerato e lavato i pesci (l’ultimo risciacquo farlo sempre in acqua con 2 pugni di sale fino sciolto) cuocere a vapore i naselli, spellarli, togliere accuratamente le lische e tritare finemente la polpa con coltello. Unire il pesce alla ricotta, aggiungere 1 uovo intero, 2 cucchiai di parmigiano grattugiato, prezzemolo tritato, sale, scorza di limone grattugiata, noce moscata (a piacere); amalgamare il tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Stendere su ogni crepe 2 cucchiai circa dell’impasto lavorato e richiudere a mò di fagottino, legando la sommità con un filo di erba cipollina o una strisciolina di foglia di porro, precedentemente sbollentata.

In una pirofila stendere uno strato abbondante di besciamella ( preparata in precedenza) sistemare i fagottini, versarvi sopra la besciamella rimasta, per coprire fino alla metà i fagottini stessi. Versare sopra ad ogni crepe gocce di salsa di pomodoro un po’ liquida, qualche fiocchetto di burro e cospargerle abbondantemente di parmigiano.

Passare in forno caldo a 200° per 10-15 minuti, poi gratinarli in superficie.

Off

Ingredienti per 4 persone:

Kg. 0,600 strozzapreti

1 coda di rospo di 1 Kg.

2 spicchi d’aglio

1 bicchiere di vino bianco secco

3 cucchiai di olio extra-vergine d’oliva

qualche foglia di basilico

5 cucchiai da tavola di pesto alla genovese.

Procedimento:
Dopo aver tolto la pelle alla coda di rospo, lavarla in abbondante acqua salata; con un coltello ben affilato ricavare 2 filetti, incidendo lungo la spina centrale, e tagliarli a cubetti di 1 cm. circa.

In una padella calda, versare 3 cucchiai di olio extra-vergine d’oliva, qualche foglia di basilico, 2 spicchi d’aglio schiacciati (da togliere a fine cottura) e la dadolata di coda rospo.

Dopo circa 5 minuti di cottura a fuoco alto, salare quanto basta, sfumare con 1 bicchiere di vino bianco secco e fare evaporare.

In una pentola, portare ad ebollizione l’acqua per gli strozzapreti, salare ed aggiungere il succo di ½ limone,

per ottenere l’acqua acida, per la cottura; versare ora gli strozzapreti nell’acqua; giunti a cottura (circa 7 minuti), scolarli e versarli nella padella con la coda di rospo precedentemente preparata; amalgamare il tutto sul fuoco e per ultimo aggiungere il pesto, condire bene la pasta e servire.

Off

Un’altra video ricetta a base di bavette con sogliola e asparagi presentata dallo chef Mario dell’Hotel Marconi di Cattolica, in provincia di Rimini.

Off

Preparare un piatto gustoso ed in poco tempo? Il consiglio di oggi è un bel piatto di penne all’orata! Le materie prime sono importanti: pesce fresco, olio extravergine e prodotti di stagione .
Una volta sfilettata l’orata e ripulita da eventuali lische il piatto sarà pronto in 10 minuti: mentre la pasta cuoce si può preparare il fondo di cottura utilizzando una pentola antiaderente.
A cottura terminata non rimane che scolare la pasta ed unirla all’orata, la cipolla ed i pomodori passati in padella, far saltare il tutto, impiattare e gustare.
Le penne all’orata risulteranno ancora più appetitose se condite con un’allegra compagnia!

Off

Ingredienti per 4 persone:
1 branzino di gr. 400
1 trancio di salmone di gr. 400
4 champignons
1 ciuffetto di rucola
1 melagrana
2 limoni
olio extra-vergine d’oliva
sale  pepe aceto q.b.

Procedimento:
Pulire e lavare in acqua salata i pesci, sfilettare il branzino;  tagliare a fettine sottili i filetti di branzino e salmone; disporle su di un  piatto e condire con sale, pepe, poco aceto, il succo di 2 limoni; lasciarle riposare per qualche minuto.

Sul piatto di portata, disporre la  rucola e adagiarvi alternate a ventaglio le fettine di branzino e salmone sgocciolate; guarnire con lamelle di champignons e chicci di melagrana, passare un filo d’olio extra-vergine d’oliva.

Piadina con stracchino e spinaci Posted luglio 20, 2012 | Tags: ,

Off

La piadina Romagnola dell’Hotel Marconi a Cattolica nella Riviera Romagnola proposta dallo chef Mario.
In questa ricetta la piadina è con lo stracchino e la rucola, cotta sul fuoco.

Off

Ricetta particolare e rivisitata dallo chef Mario dell’Hotel Marconi di Cattolica, in provincia di Rimini, della classica piadina romagnola con erbe e sardoncini.